Installare XBMC su Raspberry Pi

Benvenuto in Moddingstudio!
Iscriviti subito per partecipare a questa fantastica community!
REGISTRATI ADESSO!

StandardBus

Advanced User
4 Dicembre 2008
7.815
0
0

Se state cercando un media center economico per la vostra TV, magari senza superare 50 euro di spesa, pretendendo l'HDMI e ovviamente il supporto alla riproduzione di video FullHD (1080p) potreste dare una possibilità al Raspberry Pi.

XBMC è stato portato su Raspberry tramite sistemi basati su Raspbian che avviano in automatico il noto media center, tralasciando il window manager.
In questo modo le intere risorse della board sono dedicate ad XBMC, e, francamente, con ottimi risultati.
XBMC su Raspberry è risultato semplice da usare, non richiede tastiera nè mouse se collegato alla TV via HDMI in quanto sfrutta la tecnologia CEC (Consumer Electronics Control) che permette di controllare il Raspberry tramite il telecomando della TV.
Qualsiasi informazione di controllo passerà tramite l'interfaccia HDMI.
(Teoricamente tramite l'HDMI il Raspberry potrebbe anche collegarsi ad internet se è collegato ad uno smart TV che a sua volta è connesso alla rete tramite Wifi o LAN cablata, ma questo è da verificare).

Con ben due porte USB a disposizione, il Raspberry permette di riprodurre agevolmente i file media da qualsiasi pendrive o HDD USB (gli HDD andranno alimentati esternamente). Non ci saranno problemi nel riconoscimento delle periferiche: una volta collegato il drive USB, sarà navigabile all'istante. Non dovrete fare altro che selezionare il file e avviare la riproduzione.

XBMC una volta collegato ad internet mostra tutte le sue potenzialità: programmi dedicati installabili, tra cui anche un manager per jDownloader ed un client Torrent, dai quali gestire i file in fase di download.
Se amate il torrent, potete lasciare acceso il Raspberry mentre scarica ed al termine godervi il media appena scaricato direttamente sulla vostra TV.
Ribadisco, l'intero controllo avverrà senza l'utilizzo di periferiche supplementari, basterà solo il telecomando della vostra TV.

Stupiti? Stiamo parlando di un sistema basato su linux ;)
L'unica cosa che non si può fare da telecomando è l'accensione del Raspberry. Ma a quello potete porre rimedio con l'aggiunta di un tasto di accensione <- (clicca qui per sapere come fare).
Alla fine, con un set composto da alimentatore 5V 1A, Raspberry Pi, SD da 2-4GB e cavo HDMI potreste effettivamente trasformare in "Smart TV" qualsiasi televisore recente provvisto di porta HDMI.. perchè l'unica differenza che passa tra un televisore normale e quelli che vengono venduti a centinaia di euro in più come "Smart TV" è l'assenza di un computer embedded (dalla potenza molto limitata) e di un sistema che permetta di installarci applicazioni sopra.
Con il Raspberry, invece, potrete sfoggiare un Media center che fa molto più di quello che le "Smart TV" sono in grado di fare, nonchè dire agli amici "questo l'ho aggiunto io".

Quali sono i reali vantaggi nell'usare il Rasberry Pi al posto dei media center (come le chiavette HDMI) commerciali o di un sistema embedded?
  • Economico: con 50 euro circa avete l'intero set pronto all'uso.
  • Personalizzabile: Il Raspberry Pi ha la possibilità di essere impiegato in vari modi. Ma anche come semplice media center offre una possibilità di personalizzazione senza eguali. Potete cambiare il tema, installare programmi, etc...
  • Basso consumo: Ipotizziamo che il Raspberry Pi abbia un assorbimento costante di 700mA, che sono 0,7A (700/1000).
    Siccome W (Watt, potenza) = V (tensone in Volt) per I (corrente in Ampere) possiamo fare questo calcolo:
    5 per 0,7 = 3,5 (Watt).
    Ipotizzando un costo medio di 20 centesimi al KWh, possiamo calcolare quanto può costare mantenere un Raspberry Pi acceso 24H su 24 in un anno:
    3,5W diventano 0,0035 se convertiti in KW.
    0,0035 per 24 (le ore in un giorno) = 0,084 (consumo del Raspberry in un giorno)
    0,20 (il costo al KWh) per 0,084 (il consumo del Raspberry Pi in un giorno) = 0,0168 centesimi (costo per mantenere un Raspberry Pi acceso per un giorno)
    0,0168 (costo Raspi/giorno) per 365 (i giorni in un anno) = 6,132 euro (costo Raspberry/anno).
    In pratica, il costo per mantenere un Raspberry Pi acceso 24 ore su 24 in un anno è di 6 euro e 14 centesimi (arrotondando per eccesso e tenendo conto del costo di 20 cent al KWh, che chiaramente può variare a seconda del vostro contratto con il fornitore)... e questo vale per qualsiasi impiego possibile del Raspi.
    Nel calcolo si dovrà aggiungere il consumo di eventuali periferiche esterne. Date un occhiata a quanto consumano gli HTPC commerciali e ripetete il calcolo.
  • Non richiede ulteriori telecomandi: con il passaggio al digitale, chi ha lettore DVD, decoder DVBT, etc oltre al televisore si ritrova con uno sproposito di telecomandi da gestire. Il Raspberry non ha bisogno di un telecomando ulteriore. Si controlla tramite quello per la TV.
  • Espandibile: le porte GPIO permettono di far fare altre cose al Raspberry, come ad esempio gestire una matrice di LED RGB per creare una sorta di Ambilight-clone per le TV che non ce l'hanno. Nessun HTPC o Smart TV prevede questa possibilità. Per approfondire l'argomento: https://code.google.com/p/boblight/wiki/LPD8806_on_Raspberry_Pi
  • Contollabile da smartphone: come vedremo poi, XBMC ha la possibilità di essere controllato tramite applicazione dal proprio telefono/tablet Android e IOS. Per Android il programma si chiama YATSEE ed è gratuito, oltre che ben progettato. Quindi, se non avete un TV che supporta il protocollo CEC, potete controllare il Raspberry tramite questa alternativa. Gli HTPC commerciali fanno la stessa cosa?
  • Aggiornato di frequente: il progetto open source XBMC è in costante evoluzione, come accade per qualsiasi altro progetto su Linux. E continuerà ad evolversi finchè non salterà fuori un alternativa migliore... al contrario degli HTPC commerciali, che il produttore abbandona presto in modo da favorire la vendita dei nuovi modelli.
  • Supporto a quasi tutti i filesystem esistenti: certo, i più comuni sono il FAT32 e l'NTFS, ma linux estende il supporto anche a quelli meno usati come l'HFS e l'EXTx, che stanno prendendo sempre più piede. I media center non fanno altrettanto e si limitano quasi tutti al supporto per il FAT32.
  • Occupa poco spazio: Il Raspberry ha le dimensioni di una carta di credito (ed uno spessore di 2 centimetri). Trova spazio dovunque.

Contro:
  • Il Raspberry Pi non è pronto all'uso appena acquistato, dovete mettervi d'impegno e installare il sistema manualmente. Ma a questo i nostri tutorial pongono rimedio.
  • In caso di problemi, dovrete fare ricerche su internet o rivolgervi alle community: XBMC è un ottimo software per media center, ma soffre comunque di qualche raro bug che può richiedere il riavvio del Raspberry Pi in alcuni casi. Potete consolarvi comunque all'idea che i bug vengono fixati pochi giorni (se non ore) dopo la scoperta (ovviamente vanno segnalati).
  • Il Raspberry Pi viene consegnato "nudo", solo la board... nessun case: Per un fattore estetico potete rivolgervi a qualsiasi rivenditore di case per Raspberry (ce ne sono veramente tanti). Vi segnalo che diversi case hanno anche il supporto per il montaggio standard VESA (al posto del sostegno a muro per le TV). E' sufficiente cercare su google "Raspberry+pi+VESA" per dare un'occhiata a cosa intendo.
  • Il tasto di accensione dovrete installarlo voi. Questo può richiedere l'utilizzo del saldatore, ma... suvvia, fare esperienza con la modifica hardware di un dispositivo non può che accrescere i vostri skill... e poi in questo tutorial spiego per filo e per segno come si fa, non potete sbagliare.

Sono sostanzialmente tre le distribuzioni disponibili per Raspberry che hanno come obiettivo quello di impiegarlo come media center tramite XBMC:
  • XBian
  • Openelec
  • Raspbmc

Per ognuno verrà scritta una guida all'installazione e al termine dei test vedremo quale potrebbe essere la scelta migliore.

(I tutorial sono in fase di stesura)
 

RyujiAndy

Regular User
5 Luglio 2009
669
0
0
Voglio solo segnalare che xbmc non è l'unico mediaplayer disponibile per raspberri c'è anche RasPlex basato su Plex MediaCenter e creato dalla openelec, vi posto al momento solo il link del sito: Sito ufficiale
 

StandardBus

Advanced User
4 Dicembre 2008
7.815
0
0
Grazie Ryuji, tratterò sicuramente anche quello :)
Però mi pare che rasplex faccia solo da player per i contenuti in streaming dal PC... o sbaglio?
 

RyujiAndy

Regular User
5 Luglio 2009
669
0
0
Grazie Ryuji, tratterò sicuramente anche quello :)
Però mi pare che rasplex faccia solo da player per i contenuti in streaming dal PC... o sbaglio?
No supporta dlna o mediaserver ma ha anche una mirisde di app come i canali tv

Gesendet von meinem GT-I9300 mit Tapatalk 2
 
K

Knav3

Guest
Fichissimo è da tempo che cerco di farmi una videoteca ondemand senza collegare il computer alla tv dove si acquista??
 
K

Knav3

Guest
Ho trovato su amazon il raspberry pi a 43€ più tantissimi accessori come la custodia
 
Ultima modifica di un moderatore:

diskostu

Fresh User
4 Gennaio 2013
1
0
0
io ho già ordinato quello che mi serve, adesso vorrei soltanto capire pro e contro e differenze tra xbmc e plex e provare entrambe, i contenuti sono tutti su nas qnap (che ha anche l'app plex lato server)
 

frankestein

Fresh User
2 Dicembre 2009
8
0
0
Bus come procedono i progetti su questo RPi, da quando ho iniziato a leggere, per caso, queste guide mi sono appassionato molto e ne acquisterò uno per iniziare a sperimentare! Non mi abbandonare, i tuoi progetti che hai anticipato quà e là sono molto interessanti!
 

frankestein

Fresh User
2 Dicembre 2009
8
0
0
Molto bene, giusto il tempo di procurarmene uno!
A proposito, ho visto che li vendi.. va bè ti mando un pm, altrimenti andiamo in ot..
 

Ultimi Downloads

Statistiche del Sito

Discussioni
72.839
Messaggi
660.270
Membri
288.941
Ultimo iscritto
Darker1996