[Guida] Trasformare il Raspberry PI in un downloader torrent!

Benvenuto in Moddingstudio!
Iscriviti subito per partecipare a questa fantastica community!
REGISTRATI ADESSO!

StandardBus

Advanced User
4 Dicembre 2008
7.901
0
0
Qualche giorno fa abbiamo parlato di come configurare l'IP statico su Raspberry, oggi vediamo come installargli sopra il noto client torrent Transmission e renderlo accessibile da un altro PC attraverso un interfaccia web.

Transmission infatti integra al suo interno la funzionalità (disattivata di default) di piccolo server web che permette di monitorare tramite browser lo stato di download dei nostri file torrent, aggiungerne di nuovi, rimuoverne, etc... anche senza avere fisicamente accesso alla macchina.
Facciamo un esempio: siamo in giro con il nostro smartphone Android e ci viene in mente che è appena uscita la nuova distro Ubuntu. Ci sono due cose che potrebbero impedirci di scaricarlo direttamente da smartphone:
1) Il traffico dati non sufficiente: con tutte le principali tariffe internet per smartphone che offrono solo 1GB di traffico, scaricare 700-800MB e bruciarsi internet per il mese potrebbe non essere una buona idea.
Poi chi la sente la fidanzata se non riceve risposta ai messaggi su Whatsapp?
2) La connessione instabile: Il frequente cambio di IP del telefono non lo rende adatto a scaricare file di grosse dimensioni direttamente dal browser, ed usare un client torrent direttamente dal telefono non farebbe altro che ucciderci la batteria, anche se avessimo traffico dati a sufficienza.

La soluzione è semplice. Basterà usare lo smartphone per dire al Raspberry a casa di scaricarsi la iso di Ubuntu. Quando torneremo a casa, probabilmente il download sarà terminato da un pezzo... ed il nostro traffico internet mensile sarà salvo.

Se l'idea vi piace, ho preparato la bellezza di due procedure, che portano entrambe allo stesso risultato... la prima per i pigri, mentre la seconda per quelli che vogliono capire cosa è stato fatto o magari vogliono usare Transmission su un'altra distro.

Colleghiamo al Raspberry -prima dell'accensione- un drive USB che utilizzeremo per il download dei file.

Punto 1: Preparazione del sistema e installazione di Transmission

Procedura per i pigri:
  • Scaricate da qui il pacchetto "Raspbian torrent machine".
    In sostanza si tratta della distro "Raspbian - MS edition" con l'aggiunta di Transmission (preconfigurato) e dell'IP statico attivato di default.
  • Ripristinate il contenuto dell'immagine disco su SD con una delle procedure illustrate qua.
Fatto. Il Raspberry è pronto per mettere in crisi la vostra connessione ad internet.
Passate ora al punto 2 per sapere come accedere al Raspberry da un dispositivo remoto.
Procedura per quelli che vogliono sapere cosa è stato fatto:
Quello che dovremo fare è partire da una distribuzione Raspbian di base, configurare l'IP statico e installare/configurare Transmission a piacimento.
Non vi elencherò le istruzioni per installare un sistema Raspbian su SD solo perchè ne ho già parlato in questo articolo, ma se è la prima volta che prendete in mano un Raspberry non dovete fare altro che installare Raspbian per poi tornare su questo tutorial.

Mini-guida: Impostare un IP statico su Raspberry Pi (Raspbian)
A sistema Raspbian avviato, apriamo un terminale e digitiamo:
Codice:
sudo leafpad etc/network/interfaces
Questo comando non fa altro che dire a leafpad (l'editor di testi) di aprire il file "interfaces" che si trova nella cartella /etc/network.
All'interno di questo file dovremo individuare questa riga:
Codice:
iface eth0 inet dhcp
Di queste voci ci interessano "eth0" e "dhcp". Eth0 è l'interfaccia di rete alla quale le regole andranno applicate (in questo caso eth0 è la connessione cablata, per modificare l'interfaccia wireless -se presente- dovremo individuare la voce corrispondente), mentre dhcp è il protocollo di comunicazione che permette al router di assegnare dinamicamente un indirizzo IP libero ad un computer.
In pratica permette al router di comunicare col Raspberry anche se non ha ancora un indirizzo IP. Il Raspberry chiede un indirizzo IP a caso e il router gli dice: "guarda, il .100 è libero, prenditelo".
Siccome questo è quello che non vogliamo, cambieremo la voce "dhcp" in "static", aggiungendo anche le informazioni relative all'indirizzo IP che il Raspberry dovrà pretendere nella rete:
iface eth0 inet static
address 192.168.1.124
gateway 192.168.1.1
netmask 255.255.255.0
..dove "address" indica l'indirizzo IP desiderato, nel range di quelli permessi dalla rete, "gateway" l'IP del router e "netmask" la maschera di sottorete che in genere è 255.255.255.0.
Se volete che il Raspberry acquisisca un IP differente, non dovete fare altro che modificare "124" in quello che preferite (range 1-255) sotto la voce "address".

Salviamo il file, chiudiamo leafpad e riavviamo il Raspberry.
A questo punto possiamo passare all'installazione di Transmission.
Chi ha avuto a che fare con Ubuntu avrà già avuto modo di apprezzare la semplicità e le possibilità di personalizzazione di questo client torrent.

Apriamo quindi un terminale (su Raspberry) e aggiorniamo il database dei pacchetti con il comando:
Codice:
sudo apt-get update
Al termine della procedura di aggiornamento del database possiamo procedere con l'installazione di Transmission:
Codice:
sudo apt-get install transmission-daemon transmission-gtk
transmission-daemon installerà il demone del client (e le dipendenze, compreso il client torrent) mentre transmission-gtk installerà l'interfaccia grafica, che ci consentirà di mettere mano più semplicemente ai settaggi.
Per l'installazione sarà necessario aspettare qualche minuto, per cui prendetevela comoda.
Al termine troveremo la voce "Transmission" sotto il menù "Internet":

Potremo già avviare il programma. Facciamolo.
Apparirà a schermo l'interfaccia di Transmission, e da qui potremo iniziare a personalizzare l'installazione. Apriamo il pannello impostazioni da Modifica->Preferenze
...spostiamoci nella scheda "Ricezione" ed impostiamo la posizione di scrittura dei file scaricati:
...poi andiamo su "Web" e mettiamo la spunta su "Abilitare il client web" per poter accedere al client anche tramite interfaccia remota.
Per aumentare la sicurezza, mettiamo la spunta su "Usare l'autenticazione" ed inseriamo delle informazioni di accesso a piacere.
Togliamo invece la spunta a "Consentire la connessione solo a questi indirizzi IP" per evitare che l'accesso all'interfaccia remota ci sia impedito se abbiamo un IP diverso da quelli in lista.
Con queste impostazioni, l'accesso sarà disponibile a chiunque abbia l'IP, username e password.
Ora finalizziamo il tutto mettendo transmission tra le applicazioni che si avviano all'accensione del Raspberry.
Per fare questo apriamo un terminale e digitiamo in successione:
Dopo aver premuto invio all'ultima riga, si aprirà l'editor di testi Leafpad.
Riempiamo il file con queste informazioni:
...dopodichè salviamo il file e chiudiamo l'editor. Transmission è ora avviato automaticamente ad ogni accensione.
Punto 2: Settaggio per l'accesso remoto
Passiamo sullo smartphone/tablet di turno.
Sul Play Store sono presenti diversi remote client per Transmission, ma tra quelli gratuiti penso che Remote Transmission di Guillaume Bouerat è davvero ottimo: Interfaccia pulita e ordinata, niente pubblicità ed in pieno stile Holo.
Aggiudicato.
All'apertura ci chiede subito i settaggi per l'accesso:
Una volta fornite tutte le informazioni (IP locale per l'accesso da rete locale, DNS dinamico per l'accesso da rete esterna) siamo in grado da subito di iniziare ad aggiungere torrent al download. E' un invito a nozze.
Ci procuriamo l'ultima distro di ubuntu dal sito releases.ubuntu.com e apriamo il torrent: l'integrazione è tale che il Remote Transmission riconosce il torrent, si apre e invia subito il file al Raspberry, in attesa di nostre istruzioni per l'avvio del download. Premiamo su "Add" ed il download partirà all'istante.
Buon download a tutti!
PS: Devo comunque avvertirvi che nel caso abbiate una connessione molto veloce, usare una pendrive lenta in scrittura potrebbe rivelarsi un collo di bottiglia. Nel mio caso, il raspberry non riusciva a scrivere sulla pendrive i dati con la stessa velocità con la quale li scaricava. In pratica la pendrive era troppo lenta, e il Raspberry non faceva a tempo a scrivere quanto scaricato. L'unica soluzione nel mio caso è stato quello di usare un HDD usb al posto della pendrive.

Ma.. cosa succederebbe se installassimo sia Transmission che XBMC sullo stesso Raspberry?
 

Sotomoss

Regular User
19 Maggio 2011
102
0
0
sei un mostro mi stai facendo intrippare tutto con questo raspberry mi sa ke lo compro e mi metto a sperimentare tutto :p
 

samu0797

Regular User
10 Febbraio 2010
240
0
0
Grazie, non avevo mai notato che transmission ha un web server. Sicuramente più comodo del VNC :)
 

massijay

Regular User
30 Novembre 2011
88
0
0
Questo è solo l'inizio :D
Uso da un po' il raspberry e devo dire che è molto comodo come downloader :p io uso archlinux perché lo trovo più leggero, solo che non riesco ad installare pyload (un downloader molto utile che consiglio vivamente a tutti gli utenti di JDownloader) e vorrei poter far avviare all'accensione sia questo sia trasmission, non è che potresti fare una delle tue bellisime guide? non sono molto esperto di linux perché lo uso da quando mi è arrivato il raspberry, cioè poco più di un mese fa :D
 

StandardBus

Advanced User
4 Dicembre 2008
7.901
0
0
Sto già guardando come sfruttare Jdownloader da Raspberry ;)
Se riesco, scriverò una guida anche per quello.

Inviato tramite l'App ModdingStudio
 

StandardBus

Advanced User
4 Dicembre 2008
7.901
0
0
scurnacchiato: Teamviewer potrebbe essere una soluzione, ma in quanto servizio VNC (o desktop ad accesso remoto) non è esattamente pratico da usare su uno smartphone. Sono alla ricerca di soluzioni più funzionali.
Con il tuo metodo dovrei lasciare in esecuzione sul Raspberry sia il downloader che Teamviewer. Io intendo lasciare solo il downloader, con risparmio di corrente e di risorse.
 

massijay

Regular User
30 Novembre 2011
88
0
0
se non l'hai ancora provato ti consiglio assolutamente di provarlo pyload, da quando l'ho usato la prima volta jdownloader non lo uso più
 

samu0797

Regular User
10 Febbraio 2010
240
0
0
se non l'hai ancora provato ti consiglio assolutamente di provarlo pyload, da quando l'ho usato la prima volta jdownloader non lo uso più
Pyload è magnifico :D
JDownloader filava talmente lento che mi ero "limitato" ai torrent, credo che java non sia adatto al raspberry.
Pyload invece funziona benissimo ed è completamente gestibile da smartphone, pure i captcha (cosa che nemmeno il remote control di JDownloader supporta per quello che ricordo)! Grazie mille della segnalazione! :)
 

a231

Regular User
30 Dicembre 2011
147
0
0
sei un mostro mi stai facendo intrippare tutto con questo raspberry mi sa ke lo compro e mi metto a sperimentare tutto :p
Usa un PC con un sistema linux-based e hai fatto, il raspberry PI è un piccolo PC, usa il tuo. mettici ubuntu,debian o un altra distro in dual-boot e hai fatto
 

StandardBus

Advanced User
4 Dicembre 2008
7.901
0
0
Sai cosa, a231? I newbie di Linux fanno parecchia fatica a staccarsi da Windows all'inizio, quindi a meno di avere un secondo computer sul quale sperimentare, il Raspberry può essere un aiuto... o perfino una forzatura ad abituarsi ad usare Linux... non possono installargli altro.
 

pr0kakashi

Regular User
18 Marzo 2011
60
0
0
StandardBus Ho ordinato ieri un raspberry da element14, oggi è stato consegnato a UPS ed ora attendo che arrivi. Non vedo l'ora di mettere mano su questo splendido aggeggio!
a231 Sai cosa cambia oltre tutto? il raspberry, accesso 24h su / 24h consuma quanto una lampadina. Un pc (come si deve) acceso tutto il giorno consuma come minimo 150 volte tanto. Oltre a mille utilizzi possibili, è anche economico: primo per il costo, davvero irrisorio, e secondo per il consumo, quasi minimo.
 
Ultima modifica:

bheamut

Regular User
19 Marzo 2012
214
0
0
Salve a tutti, vorrei iniziare a studiare un po il raspberry e tutto ciò che riguarda questo ramo della tecnologia, secondo voi da dove dovrei iniziare?
grazie in anticipo c;
 

mouse100

Fresh User
11 Novembre 2010
45
0
0
Grazie ai tuoi tutorial mi hai fatto interessare a questo splendido mondo. Ho già ordinato il raspberry e acquistato un libro su google play per cominciare a studiare tutto. Grazie ancora. Spero che continuerai ad aggiornare il sito con i tutorial :)
 

a231

Regular User
30 Dicembre 2011
147
0
0
Sai cosa, @a231 ? I newbie di Linux fanno parecchia fatica a staccarsi da Windows all'inizio, quindi a meno di avere un secondo computer sul quale sperimentare, il Raspberry può essere un aiuto... o perfino una forzatura ad abituarsi ad usare Linux... non possono installargli altro.

Modificandolo si potrebbe pure far partire ms-dos, win 3.x oppure win 95 :)
 

StandardBus

Advanced User
4 Dicembre 2008
7.901
0
0
Si, ma escludendo Windows 3.1, il cui utilizzo è un agonìa per chiunque sia abituato ad un Sistema maturo, resta Windows 95... e per usare windows 95 devono creare una macchina virtuale su Debian, onde per cui sono nuovamente costretti ad imparare ad usare Linux XD
 

Vice

Fresh User
15 Luglio 2009
19
0
0
Ciao Bus,

complimenti per questa sezione del forum davvero coinvolgente , mi sono letto tutti i post
è mi è presa la voglia di sperimentare anche a me asd.
Non ho letto da nessuna parte però qual'è il canale più economico e veloce per acquistarlo , e quali sono gli accessori indispensabili da prendere .

Io ho visto su amazon il kit raspberry ver. B , alimentatore e case trasparente a € 59 , a differenza dei siti di vendita ufficiali oltre a qualche euro in più pare che lo consegnino subito.

Un ultima domanda , il raspberry usa la SD solo come disco di avvio o puo utilizzarla anche come disco di scarico ( io scarico molti file di piccole dimensioni e mi piacerebbe evitare il disco esterno USB ).

Ciao e complimenti !
 

StandardBus

Advanced User
4 Dicembre 2008
7.901
0
0
Per il canale di acquisto... Stiamo cercando qualcuno che ci sponsorizzi la sezione al momento, quindi non ti saprei dire. Il Raspberry è molto richiesto ma con farnell pare abbiano accelerato le spedizioni.
Io li avevo presi da RS verso natale e ho dovuto aspettare circa 1 mese.

Riguardo alla SD, certo, puoi anche salvare i file li sopra, ma chiaramente potresti incappare nello stesso problema che ho avuto io con la flash usb: troppo lenta, non riusciva a scrivere quello che nel frattempo il client torrent aveva scaricato. Prova con una classe 10 e fammi sapere se ha funzionato ;)
 

Statistiche del Sito

Discussioni
82.238
Messaggi
750.074
Membri
130.815
Ultimo iscritto
atorre