20 siti di streaming pirata chiusi, leader del gruppo imprigionato

Benvenuto in Moddingstudio!
Iscriviti subito per partecipare a questa fantastica community!
REGISTRATI ADESSO!

DraftmanCorp

Moderatore
Membro dello Staff
9 Novembre 2012
8.290
446
299
57085-istock-868384894.jpg


Cinque persone che hanno amministrato un anello di 20 siti di streaming di sport pirata sono state giudicate colpevoli di reati di proprietà intellettuale da un tribunale in Francia. L'azione, originariamente presentata da Canal + e beIN Sports, con l'assistenza dell'equipaggio antipirateria locale ALPA, ha comportato una pena detentiva di 12 mesi per il leader del gruppo.

Streaming Key L'Associazione contro la pirateria audiovisiva (ALPA) è attiva in Francia dal 1985.
Il gruppo si concentra principalmente sulla protezione dei diritti delle aziende nel settore audiovisivo e cinematografico e nel corso degli anni ha preso di mira tutto, dai forum di condivisione di file alle piattaforme di streaming torrent e film / programmi TV.
Negli anni più recenti, ALPA ha lavorato con aziende del settore della radiodiffusione, rivolgendosi a persone che gestiscono app e siti dedicati alla programmazione televisiva in diretta. Quel lavoro includeva un'indagine sugli amministratori di beinsport-streaming.com e diversi altri siti correlati.

Denuncia penale contro siti "Beinsport-Streaming"
ALPA e i titolari dei diritti Canal + Group, beIN Sports e RMC Sports hanno successivamente presentato una denuncia comune alle autorità francesi contro i siti. A seguito di un'indagine condotta dal gruppo sulla criminalità informatica della sezione di ricerca della gendarmeria nazionale di Rennes, i presunti fondatori e amministratori dei siti sono stati arrestati nel giugno 2018 con l'accusa di crimini di proprietà intellettuale.

All'epoca, si stima che durante i sei mesi precedenti la loro chiusura, i siti fossero visitati da circa 500.000 utenti ogni mese. Si diceva che i siti generassero entrate principalmente attraverso la pubblicità che supportava lo streaming di programmi sportivi ed eventi dal vivo.
I titolari dei diritti coinvolti hanno suggerito che i crimini erano così gravi che gli indagati potevano essere imprigionati fino a 10 anni per reati tra cui la contraffazione organizzata e il riciclaggio di denaro aggravato.

La Corte giudica colpevoli cinque persone
Ora, più di due anni dopo, la questione è giunta al termine. Secondo Canal +, un tribunale di Renne ha ritenuto cinque persone colpevoli di riprodurre, comunicare e distribuire contenuti protetti da copyright tramite l'anello "beinsport-streaming" di 20 siti.

Il leader del gruppo attualmente senza nome ha ricevuto una pena detentiva di 12 mesi, con sei mesi di sospensione. Il destino dei suoi complici non è ancora stato annunciato pubblicamente.
In una dichiarazione, Céline Boyer, direttore della protezione dei contenuti del gruppo Canal +, ha accolto con favore il verdetto, rilevando che tra il 2014 e il 2017, solo nove dei siti più popolari gestiti dagli imputati hanno generato 7,5 milioni di visite a contenuti trasmessi illegalmente.
"La decisione di Rennes rafforza la posizione del Gruppo Canal + come giocatore impegnato nella lotta contro la pirateria, una piaga in espansione e poliedrica che ha un impatto quotidiano sull'intero ecosistema sportivo, dallo sport professionale allo sport amatoriale, nonché ai media e l'industria della pay-TV ", ha dichiarato Boyer.

https://torrentfreak.com/group-who-operated-20-pirate-bein-streaming-sites-found-guilty-leader-jailed-200710/
 

Ultimi Messaggi

Statistiche del Sito

Discussioni
82.332
Messaggi
750.663
Membri
131.104
Ultimo iscritto
it1999