Benvenuto in Moddingstudio.com.

Raspberry PI
Raspberry PI
Il computer da tasca è servito. Raspberry è un sistema completo, dotato di tutto quello che un computer necessita per essere definito tale. Il progetto nasce con l'obiettivo di combattere il digital divide portando nelle scuole il Raspberry come piattaforma di apprendimento dell'informatica e della programmazione di base. La sua versatilità lo rende adatto per molteplici progetti.

Tipologia: Computer, board di sviluppo
Data di lancio: inizio 2012
Uscita video: HDMI 1080p max, Composito
RAM: 512MB (condivisa tra CPU e GPU)
CPU: 700 MHz  ARM1176JZF-S,  BCM2835 ARMv7 (fino a 1GHz col preset "Turbo")
Connettività: Ethernet 10/100 (built-in)
GPU: 250MHz Broadcom VideoCore IV (500Mhz col preset "Turbo")
Supporti di memorizzazione: N/A, il sistema viene installato su una SD fornita dall'utente.
Generazione di riferimento: Model B
Prezzo al lancio: 30-35 euro

Pagina 1 di 6 12345 ... UltimaUltima

  1. #1
    StandardBus è offline
    • Registrato da Dec 2008
    • Messaggi: 7,815
    • Ha ringraziato: 17
      Grazie ricevuti: 2,101

      Segui StandardBus su Twitter Visita il profilo Facebook di StandardBus Visita il profilo Google+ di StandardBus

    [Guida] Trasformare il Raspberry PI in un downloader torrent!

    Qualche giorno fa abbiamo parlato di come [Solo gli utenti registrati e attivati possono vedere i link ], oggi vediamo come installargli sopra il noto client torrent Transmission e renderlo accessibile da un altro PC attraverso un interfaccia web.

    Transmission infatti integra al suo interno la funzionalità (disattivata di default) di piccolo server web che permette di monitorare tramite browser lo stato di download dei nostri file torrent, aggiungerne di nuovi, rimuoverne, etc... anche senza avere fisicamente accesso alla macchina.
    Facciamo un esempio: siamo in giro con il nostro smartphone Android e ci viene in mente che è appena uscita la nuova distro Ubuntu. Ci sono due cose che potrebbero impedirci di scaricarlo direttamente da smartphone:
    1) Il traffico dati non sufficiente: con tutte le principali tariffe internet per smartphone che offrono solo 1GB di traffico, scaricare 700-800MB e bruciarsi internet per il mese potrebbe non essere una buona idea.
    Poi chi la sente la fidanzata se non riceve risposta ai messaggi su Whatsapp?
    2) La connessione instabile: Il frequente cambio di IP del telefono non lo rende adatto a scaricare file di grosse dimensioni direttamente dal browser, ed usare un client torrent direttamente dal telefono non farebbe altro che ucciderci la batteria, anche se avessimo traffico dati a sufficienza.

    La soluzione è semplice. Basterà usare lo smartphone per dire al Raspberry a casa di scaricarsi la iso di Ubuntu. Quando torneremo a casa, probabilmente il download sarà terminato da un pezzo... ed il nostro traffico internet mensile sarà salvo.

    Se l'idea vi piace, ho preparato la bellezza di due procedure, che portano entrambe allo stesso risultato... la prima per i pigri, mentre la seconda per quelli che vogliono capire cosa è stato fatto o magari vogliono usare Transmission su un'altra distro.

    Colleghiamo al Raspberry -prima dell'accensione- un drive USB che utilizzeremo per il download dei file.

    Punto 1: Preparazione del sistema e installazione di Transmission

    Procedura per i pigri:
    • [Solo gli utenti registrati e attivati possono vedere i link ] il pacchetto "Raspbian torrent machine".
      In sostanza si tratta della distro "Raspbian - MS edition" con l'aggiunta di Transmission (preconfigurato) e dell'IP statico attivato di default.
    • Ripristinate il contenuto dell'immagine disco su SD con una delle procedure [Solo gli utenti registrati e attivati possono vedere i link ].

    Fatto. Il Raspberry è pronto per mettere in crisi la vostra connessione ad internet.
    Passate ora al punto 2 per sapere come accedere al Raspberry da un dispositivo remoto.
    Procedura per quelli che vogliono sapere cosa è stato fatto:
    Quello che dovremo fare è partire da una distribuzione Raspbian di base, configurare l'IP statico e installare/configurare Transmission a piacimento.
    Non vi elencherò le istruzioni per installare un sistema Raspbian su SD solo perchè ne ho già parlato in [Solo gli utenti registrati e attivati possono vedere i link ], ma se è la prima volta che prendete in mano un Raspberry non dovete fare altro che installare Raspbian per poi tornare su questo tutorial.

    Mini-guida: Impostare un IP statico su Raspberry Pi (Raspbian)
    A sistema Raspbian avviato, apriamo un terminale e digitiamo:
    Codice:
    sudo leafpad etc/network/interfaces
    Questo comando non fa altro che dire a leafpad (l'editor di testi) di aprire il file "interfaces" che si trova nella cartella /etc/network.
    All'interno di questo file dovremo individuare questa riga:
    Codice:
    iface eth0 inet dhcp
    Di queste voci ci interessano "eth0" e "dhcp". Eth0 è l'interfaccia di rete alla quale le regole andranno applicate (in questo caso eth0 è la connessione cablata, per modificare l'interfaccia wireless -se presente- dovremo individuare la voce corrispondente), mentre dhcp è il protocollo di comunicazione che permette al router di assegnare dinamicamente un indirizzo IP libero ad un computer.
    In pratica permette al router di comunicare col Raspberry anche se non ha ancora un indirizzo IP. Il Raspberry chiede un indirizzo IP a caso e il router gli dice: "guarda, il .100 è libero, prenditelo".
    Siccome questo è quello che non vogliamo, cambieremo la voce "dhcp" in "static", aggiungendo anche le informazioni relative all'indirizzo IP che il Raspberry dovrà pretendere nella rete:
    iface eth0 inet static
    address 192.168.1.124
    gateway 192.168.1.1
    netmask 255.255.255.0
    ..dove "address" indica l'indirizzo IP desiderato, nel range di quelli permessi dalla rete, "gateway" l'IP del router e "netmask" la maschera di sottorete che in genere è 255.255.255.0.
    Se volete che il Raspberry acquisisca un IP differente, non dovete fare altro che modificare "124" in quello che preferite (range 1-255) sotto la voce "address".

    Salviamo il file, chiudiamo leafpad e riavviamo il Raspberry.
    A questo punto possiamo passare all'installazione di Transmission.
    Chi ha avuto a che fare con Ubuntu avrà già avuto modo di apprezzare la semplicità e le possibilità di personalizzazione di questo client torrent.

    Apriamo quindi un terminale (su Raspberry) e aggiorniamo il database dei pacchetti con il comando:
    Codice:
    sudo apt-get update
    Al termine della procedura di aggiornamento del database possiamo procedere con l'installazione di Transmission:
    Codice:
    sudo apt-get install transmission-daemon transmission-gtk
    transmission-daemon installerà il [Solo gli utenti registrati e attivati possono vedere i link ] (e le dipendenze, compreso il client torrent) mentre transmission-gtk installerà l'interfaccia grafica, che ci consentirà di mettere mano più semplicemente ai settaggi.
    Per l'installazione sarà necessario aspettare qualche minuto, per cui prendetevela comoda.
    Al termine troveremo la voce "Transmission" sotto il menù "Internet":

    Potremo già avviare il programma. Facciamolo.
    Apparirà a schermo l'interfaccia di Transmission, e da qui potremo iniziare a personalizzare l'installazione. Apriamo il pannello impostazioni da Modifica->Preferenze
    ...spostiamoci nella scheda "Ricezione" ed impostiamo la posizione di scrittura dei file scaricati:
    ...poi andiamo su "Web" e mettiamo la spunta su "Abilitare il client web" per poter accedere al client anche tramite interfaccia remota.
    Per aumentare la sicurezza, mettiamo la spunta su "Usare l'autenticazione" ed inseriamo delle informazioni di accesso a piacere.
    Togliamo invece la spunta a "Consentire la connessione solo a questi indirizzi IP" per evitare che l'accesso all'interfaccia remota ci sia impedito se abbiamo un IP diverso da quelli in lista.
    Con queste impostazioni, l'accesso sarà disponibile a chiunque abbia l'IP, username e password.
    Ora finalizziamo il tutto mettendo transmission tra le applicazioni che si avviano all'accensione del Raspberry.
    Per fare questo apriamo un terminale e digitiamo in successione:
    Dopo aver premuto invio all'ultima riga, si aprirà l'editor di testi Leafpad.
    Riempiamo il file con queste informazioni:
    ...dopodichè salviamo il file e chiudiamo l'editor. Transmission è ora avviato automaticamente ad ogni accensione.
    Punto 2: Settaggio per l'accesso remoto
    Passiamo sullo smartphone/tablet di turno.
    Sul Play Store sono presenti diversi remote client per Transmission, ma tra quelli gratuiti penso che Remote Transmission di Guillaume Bouerat è davvero ottimo: Interfaccia pulita e ordinata, niente pubblicità ed in pieno stile Holo.
    Aggiudicato.
    All'apertura ci chiede subito i settaggi per l'accesso:
    Una volta fornite tutte le informazioni (IP locale per l'accesso da rete locale, DNS dinamico per l'accesso da rete esterna) siamo in grado da subito di iniziare ad aggiungere torrent al download. E' un invito a nozze.
    Ci procuriamo l'ultima distro di ubuntu dal sito releases.ubuntu.com e apriamo il torrent: l'integrazione è tale che il Remote Transmission riconosce il torrent, si apre e invia subito il file al Raspberry, in attesa di nostre istruzioni per l'avvio del download. Premiamo su "Add" ed il download partirà all'istante.
    Buon download a tutti!
    PS: Devo comunque avvertirvi che nel caso abbiate una connessione molto veloce, usare una pendrive lenta in scrittura potrebbe rivelarsi un collo di bottiglia. Nel mio caso, il raspberry non riusciva a scrivere sulla pendrive i dati con la stessa velocità con la quale li scaricava. In pratica la pendrive era troppo lenta, e il Raspberry non faceva a tempo a scrivere quanto scaricato. L'unica soluzione nel mio caso è stato quello di usare un HDD usb al posto della pendrive.

    Ma.. cosa succederebbe se installassimo sia Transmission che XBMC sullo stesso Raspberry?

  2. 2 utenti hanno ringraziato StandardBus per questo post:

    Cleofra (22-04-2014), enatnoc (28-07-2016)

  3. # ADS
    Circuit advertisement


     

  4. #2
    Sotomoss è offline
    • Registrato da May 2011
    • Messaggi: 102
    • Ha ringraziato: 0
      Grazie ricevuti: 0

    sei un mostro mi stai facendo intrippare tutto con questo raspberry mi sa ke lo compro e mi metto a sperimentare tutto :P

  5. #3
    StandardBus è offline
    • Registrato da Dec 2008
    • Messaggi: 7,815
    • Ha ringraziato: 17
      Grazie ricevuti: 2,101

      Segui StandardBus su Twitter Visita il profilo Facebook di StandardBus Visita il profilo Google+ di StandardBus
    Questo è solo l'inizio

  6. #4
    samu0797 è offline
    • Registrato da Feb 2010
    • Messaggi: 241
    • Ha ringraziato: 6
      Grazie ricevuti: 0

    Grazie, non avevo mai notato che transmission ha un web server. Sicuramente più comodo del VNC

  7. #5
    massijay è offline
    • Registrato da Nov 2011
    • Messaggi: 88
    • Ha ringraziato: 1
      Grazie ricevuti: 0

    Citazione Originariamente Scritto da StandardBus Visualizza Messaggio
    Questo è solo l'inizio
    Uso da un po' il raspberry e devo dire che è molto comodo come downloader :P io uso archlinux perché lo trovo più leggero, solo che non riesco ad installare pyload (un downloader molto utile che consiglio vivamente a tutti gli utenti di JDownloader) e vorrei poter far avviare all'accensione sia questo sia trasmission, non è che potresti fare una delle tue bellisime guide? non sono molto esperto di linux perché lo uso da quando mi è arrivato il raspberry, cioè poco più di un mese fa

  8. #6
    StandardBus è offline
    • Registrato da Dec 2008
    • Messaggi: 7,815
    • Ha ringraziato: 17
      Grazie ricevuti: 2,101

      Segui StandardBus su Twitter Visita il profilo Facebook di StandardBus Visita il profilo Google+ di StandardBus
    Sto già guardando come sfruttare Jdownloader da Raspberry
    Se riesco, scriverò una guida anche per quello.

    Inviato tramite l'App ModdingStudio

  9. #7
    Destiny75 è offline
    • Registrato da Jan 2012
    • Messaggi: 4,609
    • Ha ringraziato: 69
      Grazie ricevuti: 5

    dal mio terminale GT i9000 con team viewer faccio già tutto quello che devo fare.

  10. #8
    StandardBus è offline
    • Registrato da Dec 2008
    • Messaggi: 7,815
    • Ha ringraziato: 17
      Grazie ricevuti: 2,101

      Segui StandardBus su Twitter Visita il profilo Facebook di StandardBus Visita il profilo Google+ di StandardBus
    @[Solo gli utenti registrati e attivati possono vedere i link ]: Teamviewer potrebbe essere una soluzione, ma in quanto servizio VNC (o desktop ad accesso remoto) non è esattamente pratico da usare su uno smartphone. Sono alla ricerca di soluzioni più funzionali.
    Con il tuo metodo dovrei lasciare in esecuzione sul Raspberry sia il downloader che Teamviewer. Io intendo lasciare solo il downloader, con risparmio di corrente e di risorse.

  11. #9
    massijay è offline
    • Registrato da Nov 2011
    • Messaggi: 88
    • Ha ringraziato: 1
      Grazie ricevuti: 0

    se non l'hai ancora provato ti consiglio assolutamente di provarlo pyload, da quando l'ho usato la prima volta jdownloader non lo uso più

  12. #10
    StandardBus è offline
    • Registrato da Dec 2008
    • Messaggi: 7,815
    • Ha ringraziato: 17
      Grazie ricevuti: 2,101

      Segui StandardBus su Twitter Visita il profilo Facebook di StandardBus Visita il profilo Google+ di StandardBus
    @[Solo gli utenti registrati e attivati possono vedere i link ]: moooooolto interessante, sul serio. Grazie per il consiglio.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Torna a inizio pagina
Moddingstudio.com - Powered by vBulletin
Copyright (c) 2011 vBulletin Solutions, Inc. All rights reserved.
Brown Editore S.r.l. - Capitale Sociale 1.087.500€ I.V. - P.Iva: 12899320159 - Viale Sarca, 336 Edificio 16 - 20126 Milano
Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 17:53.